abeti — poesia

Photo by Michele Purin on Unsplash

Nasce lentamente dal buio,

ultime gocce torrenziali

penetrano nelle cortecce stanche.

Qui, dal confine del bosco,

nuovo un mattino si sussurra

e la vita vi si adagia

con morbidi scricchiolii fra i legni.

Un’alba di toni in bemolle

sui muschi teneri e sazi di pioggia.

La sinfonia si alza al cielo

dove insieme gli estranei rami

formano un saldo intreccio;

qui non più gli abeti hanno un nome

che non sia il bosco intero.